A tutti quelli che non vogliono guardare in faccia la realtà

 

Progetto per una diversa riqualificazione della Stazione Centrale di Milano. Partendo dall’analisi urbana del sito, del contesto e dei soggetti che abitualmente lo frequentano e lo vivono, abbiamo cercato di immaginare un nuovo scenario, gli emarginati riemergono e non sono più invisibili. Abbiamo ipotizzato di obbligare i fruitori permanenti ed occasionali della stazione centrale ad una presa di coscienza e ad una possibile convivenza con gli ultimi. Il progetto prevede un ostello/ricovero sul tetto, un centro multietnico, una biblioteca ed una caffetteria provenienti da un repertorio di immagini evocative dello scarto, della spazzatura. Quindi la coesistenza della società con il suo scarto, cioè con quello che produce.
Con Anna Barbara e Donatella Sculli

Politecnico di Milano 1995